“Altra grande soddisfazione il timbro pieno, vasto di Anna Pirozzi, che si spande per tutta la sala. Riesce a gestire una voce di notevole caratura con estrema facilità nel brillante registro acuto, come pure nei bassi sempre sonori e mai schiacciati. Oltre a ciò, la Pirozzi ha saputo dar conto di abilità nel maneggiare anche i passi più pianeggianti, come ad esempio nell’aria del quadro secondo, dove alle morbidezza e ai piano del cantabile ha affiancato una cabaletta irosa e fiammeggiante”.

NOTTI MILANESI: NABUCCO ALLA SCALA

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.